Come velocizzare il caricamento del tuo sito WordPress

Sapevi che i principali draghi di carburante raggiungono abitualmente velocità superiori a 300 miglia all’ora e possono percorrere una pista di un quarto di miglio in meno di 4 secondi? Incredibilmente veloce.


Questo è anche quanto velocemente il tipico visitatore del sito web si arrenderà e passerà in attesa del caricamento di una pagina web. In effetti, a studio di KISSmetrics riferisce che il 47% dei visitatori del sito Web abbandonerà un sito in meno di DUE secondi! Fortunatamente, non devi perdere quel visitatore. Vedremo come ottimizzare il tuo sito WordPress per accelerare le prestazioni e passare dal clunker al dragster.

Tutto ciò che devi sapere sull’ottimizzazione delle prestazioni di WordPress

Batti gli occhi. Probabilmente ti ci sono voluti 300 millisecondi per un battito di ciglia.

Amazon e Walmart rilevato che per ogni diminuzione del carico della pagina di 100 millisecondi si è verificato un corrispondente aumento dell’1% delle entrate. Un caricamento più veloce delle pagine significa più conversioni, anche se l’aumento può sembrare insignificante per te. Che tu faccia e-commerce o meno, una pagina di caricamento più veloce sul tuo sito WordPress significa che il tuo visitatore sarà felice, il che può portare a rimanere sulla pagina più a lungo.

Significa anche che la tua pagina si posizionerà meglio nelle ricerche, secondo Google. Naturalmente, la velocità di caricamento della pagina è solo una delle centinaia di criteri utilizzati nella classifica, ma vale la pena notare che Google stesso fornisce strumenti per i webmaster per ottimizzare le pagine per la velocità.

Pertanto, le prestazioni sono una parte fondamentale del successo di un sito. Hai speso molto tempo e sforzi per creare grandi contenuti che informano o persuadono, ma è tutto per niente se i visitatori rimbalzano prima ancora di aver visto il tuo sito. Devi assicurarti che ciò non accada.

Sei una lumaca o un ghepardo?

Il primo passo per ottimizzare il tuo sito è stabilire una linea di base analizzando quali sono le velocità di caricamento delle pagine prima di apportare eventuali modifiche. Utili strumenti gratuiti (sono disponibili versioni a pagamento che offrono più funzionalità) basati sul Web:

  • Page Speed ​​Insights – Lo strumento di Google per analizzare le velocità di carico. Questo è particolarmente utile perché analizza anche le prestazioni mobili. C’è anche un link nella pagina ad altri strumenti di performance web di Google.
  • WebPagetest – Con questo strumento, vedi come si comporta il tuo sito con diversi browser. Offre anche viste grafiche dei risultati.
  • GTMetrix – Questo strumento utilizza diversi programmi di analisi diversi ed elenca i risultati in ordine di come influenzano le prestazioni del caricamento della pagina.
  • Pingdom – Questo sito offre analisi, monitoraggio in tempo reale di uptime e prestazioni degli utenti, controlli per collegamenti interrotti e altro. Offre una versione di prova gratuita di un mese e quindi è previsto un addebito mensile per continuare a utilizzarlo.

Uno strumento specifico per WordPress è P3 (Plugin Performance Profiler), che è un plug-in di WordPress che controlla i plug-in installati e fornisce informazioni dettagliate sulle prestazioni. Un altro strumento utile per WordPress è Nuova reliquia, che individua plug-in e temi che potrebbero rallentare il database MySQL.

Questi programmi indicheranno le aree che devono essere riparate e daranno alcuni suggerimenti per l’ottimizzazione. Per ora, basta notare i risultati. Successivamente, esamineremo alcuni passaggi da eseguire per accelerare WordPress per migliorare i tempi di caricamento della pagina.

“Coloro che non conoscono la storia, sono destinati a ripeterla” – Edmund Burke

Alcuni fattori influenzano le prestazioni di WordPress che possono essere trovate sul sito dopo il sito. Assicurati che il tuo sito non sia uno di questi. Problemi comuni e possibili soluzioni includono:

Codice obsoleto

Il codice obsoleto si riferisce all’installazione di WordPress, ai temi e ai plug-in. Gli aggiornamenti non riguardano sempre la sicurezza. Molte volte vengono emessi aggiornamenti per correggere bug che potrebbero rallentare il tuo sito.

Soluzione – Mantieni aggiornati WordPress e le versioni dei temi. Se un plugin non ha un aggiornamento per l’ultima versione di WordPress, disabilitalo e prova a trovarne uno simile.

Database gonfio

Il database di WordPress ha tabelle che contengono voci per tutti i dati memorizzati. Più righe vengono utilizzate in una tabella, maggiore è la dimensione della tabella. Nel tempo, i dati non più rilevanti o necessari verranno accumulati nelle tabelle del database. Esiste anche una memoria temporanea (overhead) che archivia le query nel database e anch’essa crescerà nel tempo.

Un database di grandi dimensioni e ingombro può influire sui tempi di caricamento. Le righe inutilizzate ed eliminate devono essere eliminate, l’overhead deve essere rimosso quando diventa troppo elevato e altre azioni devono essere intraprese per ottimizzare il database per migliorare le prestazioni.

Soluzione – Sono due plugin WordPress molto apprezzati che puliscono gli elementi inutilizzati e ottimizzano il database WP-Optimize e Ottimizza il database dopo aver eliminato le revisioni. Un altro plugin molto popolare e molto apprezzato è WP-manager. Va oltre l’ottimizzazione e offre opzioni per la riparazione, il backup e il ripristino del database.

Soluzione manuale – È possibile utilizzare phpMyAdmin per ottimizzare il database senza un plug-in. È possibile utilizzare la query SQL “OPTIMIZE_TABLE” per ottimizzare singole tabelle. OPTIMIZE_TABLE “wp_comments”, ad esempio, verrebbero utilizzati per ottimizzare la tabella dei commenti.

In alternativa, è possibile utilizzare l’opzione “Ottimizza tabella” dal menu a discesa phpMyAdmin. Seleziona le tabelle che desideri ottimizzare o fai semplicemente clic sulla casella “Controlla tutto” per tutte le tabelle e fai clic su “Vai”. Una volta terminata l’ottimizzazione, phpMyAdmin ti dirà se è stata completata con successo o meno.

Troppi plugin

Quando hai un plugin attivo ogni volta che un visitatore arriva sulla pagina, viene inviata una richiesta del server. Hai troppi visitatori e troppi plug-in e la risposta del server per caricare la tua pagina inizia a risentirne. Più del numero, tuttavia, è la qualità. Anche se hai solo uno o due plugin, se scritto male o pieno di errori, il caricamento delle tue pagine rallenta.

Soluzione – Utilizza solo plugin che ritieni necessari per il funzionamento del tuo sito. Se sospetti un plug-in, verifica disabilitandolo e controllando se la pagina si carica più velocemente. Se si carica più velocemente, sostituire il plug-in con un altro.

Temi non ottimizzati

È difficile resistere ai cursori e ai widget appariscenti di alcuni temi. Tutto ciò, tuttavia, rallenta i tempi di caricamento.

Soluzione – Se non hai bisogno o non stai utilizzando le funzionalità perché rallentare il caricamento della pagina con chiamate al server non necessarie? Seleziona temi già ottimizzati o limitati alle funzionalità di cui hai bisogno o crea temi figlio che rimuovano le funzionalità indesiderate.

Troppi widget

Di solito, non hai bisogno di tutti i widget su ogni pagina. Simile ai plug-in, le chiamate al server vengono effettuate per ogni widget ogni volta che un utente accede a quella pagina. Le pagine che dispongono di widget che estraggono risorse da fuori sede sono particolarmente sensibili al rallentamento del caricamento delle pagine.

Soluzione – Limita il numero di widget a quelli di cui hai veramente bisogno e usali solo nelle pagine necessarie. Cerca di localizzarli o fallo caricare dopo il resto della pagina ogni volta che è possibile.

Server lento

Server condivisi significano condivisione delle risorse. Questo non è un problema se le prestazioni sono una caratteristica chiave del tuo host web. Tuttavia, se, ad esempio, il tuo host web mette troppi utenti su una piattaforma condivisa, il tuo sito verrà comunque caricato lentamente, indipendentemente da quanto ottimizzi.

Soluzione – Se il rallentamento sembra essere il server, potresti voler passare a un host web che è specificamente ottimizzato per eseguire WordPress. Un’altra opzione è quella di cercare un provider di hosting WordPress gestito. Questi host web faranno gli aggiornamenti e le ottimizzazioni per te, quindi le prestazioni del tuo sito web sono molto migliori – alcuni sostengono il 300% più veloce – di quanto alcuni host web a piattaforma condivisa a basso costo possano fornire.

Può sembrare magia, ma …

Oltre alle soluzioni già fornite nell’articolo, ci sono una serie di semplici passaggi che puoi adottare per ottimizzare il tuo sito WordPress per prestazioni migliori.

Prepara la tua Home Page all’osso

In genere questa è la pagina che verrà visitata per prima. Se si carica rapidamente, potresti avere un margine di manovra maggiore con la velocità di caricamento di altre pagine nel mantenere i visitatori sul sito. Su un sito di blog, ridurre il numero di post mostrati nella prima pagina e mostrare gli estratti anziché i post completi. Rimuovi tutti i widget non necessari. Ad esempio, i widget per la condivisione devono essere solo nelle pagine dei post. Mantieni la home page pulita e snella.

Minimizza e consolida codice

Il codice di riduzione riduce le dimensioni dei file HTML, CSS e JavaScript eliminando gli spazi bianchi. Puoi anche comprimere e combinare i file. Puoi farlo manualmente se ti senti a tuo agio con il codice, oppure puoi usare un plugin WordPress per aiutarti. Autoptimize e Meglio WordPress Minify sono due plugin facili da usare e personalizzabili che concatenano, minimizzano e comprimono i file per te.

Aggiungi scadono le intestazioni

Questo è un altro modo per ridurre le richieste HTTP, che rallentano la velocità di caricamento della pagina. Le intestazioni scadute indicano al browser per quanto tempo conservare un file nella sua cache. L’uso delle intestazioni di scadenza non riduce la velocità di caricamento della pagina la prima volta che un visitatore arriva sulla pagina. Tuttavia, la volta successiva che la pagina viene visitata dallo stesso utente, il browser verifica se è entro il tempo impostato nell’intestazione di scadenza.

In tal caso, la pagina memorizzata nella cache viene caricata anziché scaricare di nuovo la pagina. Puoi impostare “Scade le intestazioni” modificando il tuo file .htaccess su un server Apache, ma per WordPress, una soluzione semplice è utilizzare uno dei due plugin sopra menzionati, Autoptimize o Better WordPress Minify poiché hanno opzioni per questo.

Pagine della cache

Invece di eseguire file PHP ed effettuare chiamate al database, la memorizzazione nella cache è la generazione di pagine HTML statiche che vengono temporaneamente archiviate sul server e offerte ai visitatori. Due dei plug-in cache principali per WordPress sono WP Super Cache e W3 cache totale. Entrambi fanno molto di più che memorizzare nella cache fornendo precarico e compressione. Le velocità di carico ottimali si ottengono combinando la memorizzazione nella cache con la minimizzazione.

Usa reti di distribuzione di contenuti (CDN)

Per i siti Web che hanno un traffico più intenso, i CDN in genere archiviano le risorse statiche come file CSS e JavaScript e immagini su più siti, in modo che vengano offerti più vicini al visitatore del sito Web. CDN come Amazon CloudFront, CloudFlare e MaxCDN possono servire l’intero sito Web. CloudFront e

CloudFront e CloudFlare entrambi hanno account gratuiti limitati, mentre MaxCDN ha un account di prova per testarli. Tutti e tre hanno account a pagamento con funzionalità complete in cui viene addebitata la quantità di larghezza di banda utilizzata. La pubblicazione da siti più vicini al visitatore riduce i tempi di download e riduce il sovraccarico della larghezza di banda sul sito di casa, accelerando il caricamento delle pagine.

Comprimi immagini e usa Lazy Load

Le immagini rappresentano un grande ostacolo per velocizzare i tempi di caricamento. La compressione delle immagini accelererà notevolmente le cose. WP Smush e EWWW Image Optimizer sono plugin di WordPress che comprimeranno automaticamente le tue immagini mentre le carichi nella tua libreria multimediale in WordPress. Se carichi meno di 100 immagini al mese, un’altra opzione di plug-in è ShortPixel Image Optimizer.

Quando la compressione è combinata con Carico pigro, i carichi lenti dovuti alla grafica sono quasi eliminati. Lazy Load è un plugin di WordPress che richiede che le immagini vengano caricate solo quando sono visibili al visitatore. Ciò riduce i tempi di caricamento perché le immagini che sono sotto la piega e non visibili nella finestra vengono ignorate quando si carica la pagina.

Limita le revisioni di WordPress

WordPress salva una versione dei tuoi post ogni volta che apporti una modifica e questi vengono archiviati nel database. Queste voci di database extra devono essere elaborate dal server per trovare e caricare l’ultimo post. Potresti effettivamente disabilitare le revisioni, ma poi perdi il backup se dovesse accadere qualcosa durante la creazione del tuo post.

Invece, limitare il numero di revisioni mantenute da WordPress. Ad esempio, se si desidera impostare il limite su cinque revisioni, utilizzare questa riga nel file wp-config.php:

define (“WP_POST_REVISIONS”, 5);

Puoi superare questo test?

Dopo aver eseguito i passaggi descritti in questo post, è tempo di tornare indietro e analizzare nuovamente il tuo sito utilizzando lo strumento o gli strumenti che hai utilizzato per impostare la tua baseline. Esegui i test e controlla i risultati. Dovresti essere vicino ad avere un sito ottimizzato. Se i problemi persistono, apportare le correzioni suggerite ed eseguire nuovamente l’analisi fino a ottenere un buon risultato. Stai cercando tutti gli As o i B su tutta la linea.

Conclusione

Non c’è modo di sfuggire al fatto che quelli che usano il Web oggi sono appassionati di velocità. I tuoi visitatori vogliono che il tuo sito venga caricato ieri, non domani. Se non concedi loro un caricamento rapido della pagina, se ne andranno presto. Devi ottimizzare il tuo sito Web WordPress per ottenere le migliori prestazioni possibili. Minimizza e consolida il codice e utilizza la compressione per ridurre le pagine e i file e utilizza la memorizzazione nella cache per un download più veloce sul browser del visitatore.

Mantenere la home page snella e assicurarsi che tutti i file, i temi e il software WordPress siano sempre aggiornati accelereranno le prestazioni di WordPress. Continua a ottimizzare facilmente e utilizza i plug-in disponibili che fanno automaticamente gran parte dell’ottimizzazione per te. Fai queste cose evitando i comuni errori di prestazione di WordPress e sarai sulla strada giusta per ottenere e mantenere i visitatori sul tuo sito Web WordPress.

Continua a ottimizzare facilmente e utilizza i plug-in disponibili che fanno automaticamente gran parte dell’ottimizzazione per te. Fai queste cose evitando i comuni errori di prestazione di WordPress e sarai sulla strada giusta per ottenere e mantenere i visitatori sul tuo sito Web WordPress.

Hai altri trucchi e suggerimenti per ottimizzare le prestazioni di WordPress? Quanto influisce la velocità con cui un sito carica le tue abitudini di navigazione? Commenta di seguito per condividere questi o altri pensieri che potresti avere su questo post del blog.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map